La Compagnia Dei Guitti


Vai ai contenuti

Storia dell'associazione

chi siamo


STORIA DELL'ASSOCIAZIONE



La nostra associazione ha come obiettivo primario la divulgazione della cultura teatrale nel territorio della nostra provincia, con particolare attenzione alla lingua friulana, e al sostegno di drammaturgie e musiche originali. Obiettivo dell'associazione è, altresì, proporre e sostenere forme di aggregazione fra le persone del nostro territorio anche attraverso l'organizzazione di seminari e corsi sui linguaggi del teatro e della musica.

La Compagnia Dei Guitti nasce formalmente nell'autunno del 2006, il seme di questo splendido fiore, tuttavia, trova terreno fertile negli allora giovanissimi soci fondatori nel lontano 1989. In quel periodo Sabine Cattarossi si trasferì dalla Francia, culla del suo apprendistato teatrale, nella nostra regione riunì alcuni ragazzi per introdurli all'arte del teatro.


Dopo un decennio di apprendistato maturato in luoghi di fortuna, garages e spazi più o meno adatti allo scopo, nel 2001 il gruppo affinato e scremato giunge al debutto con lo spettacolo "
Vuoto a perdere" scritto da Samuele Cattarossi per la regia di Sabine Cattarossi commissionato dall'Unione Nazionale Arte e Spettacolo. Con questo spettacolo il gruppo degli Sbealfs, nome maccheronico con cui si facevano chiamare i futuri Guitti, si fa conoscere in regione e non solo.

Nel mese di maggio 2005, al teatro L. Garzoni di Tricesimo, sarà la volta di
Berdèi, cumò us cónti jo la veretât, parodia demenziale scritta sempre da Samuele ispirata alla storia dei celeberrimi Beatles trasformati nel racconto in emigranti friulani, sempre al fianco di Sabine Cattarossi in collaborazione con il gruppo musicale friulano Beât Lés e l'Associazione NUMAR UN di Alberto Zeppieri (Toni Merlot).

Nell'autunno 2006, si costituisce formalmente l'Associazione Culturale La Compagnia dei Guitti che debutterà con lo spettacolo
Anghel, per il quale Marco Maiero comporrà un'originale e suggestiva colonna sonora, nella primavera del 2007.

Nel 2008 in collaborazione con l'attore Federico Scridel la compagnia inventa
Fabulastrocca, una farsa bilingue (Italiano- Friulano), in cui si mescolano prosa, poesia e filastrocca in una sequenza di gag irresistibili.

Negli anni si sono susseguite altre produzioni artistiche (
Lettera di un bimbo, O soi dome un omp) firmate da Samuele Cattarossi, con la regia di Sabine Cattarossi, e la messa in scena di uno spettacolo scritto da Carlo Tolazzi dal titolo"Rojale.

Nel 2015 arriva
Busis, Mateçs e Matarans, pièce goliardica e irriverente in lingua friulana e italiana, e nel 2016 la Compagnia mette in scena un accorato ricordo del tragico sisma del 2016 intitolato Mnemosine '76.

Dal 2008 inoltre la compagnia ha stipulato con l'Amministrazione Comunale di Reana del Rojale e l'Assessorato alla Cultura una Convenzione finalizzata alla più fruttuosa collaborazione fra le parti nella gestione dei locali adibiti allo spettacolo e all'organizzazione di eventi culturali di vario tipo.

Ogni anno, infine, l'Associazione organizza un corso di teatro per bambini di età compresa fra i nove e i dodici anni finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo inserito nella stagione culturale del Rojale.


Home Page | chi siamo | foto | video | spettacoli | archivio | attività | contatti | Mappa del sito


Oggi è il Aggiornato il 28 set 2017 | info@lacompagniadeiguitti.org

Torna ai contenuti | Torna al menu